La spesa di gennaio


Inizio di un anno nuovo e tempo di buoni propositi. Perché non approfittarne per migliorare la propria alimentazione e renderla più "colorata"? Anche se la natura sembra "dormiente", in realtà ci mette a disposizione una discreta varietà di frutta e verdura nutriente e buona!


Radicchio e Cicoria (Cichorium intybus), sono delle piante che si trovano frequentemente nei luoghi incolti, anche se varietà selezionate di radicchio vengono coltivate in tutta la penisola per il loro utilizzo gastronomico.
Radicchio rosso
Il radicchio, botanicamente, è in realtà una varietà di cicoria e le sue proprietà nutrizionali sono simili a quest'ultima.
La cicoria e il radicchio sono ricchi di fibra alimentare (ottima per il benessere intestinale e per prevenire malattie cardiovascolari e tumori) e antiossidanti; inoltre il radicchio verde è particolarmente ricco di ferro (7 mg per 100 g, ovvero quasi il 40% del fabbisogno raccomandato nelle donne).



Radicchio verde
Il radicchio e la cicoria sono ottimi  diuretici, colagoghi e coleretici (stimolano la funzionalità epatica e la produzione di bile). Le radici di queste piante sono ricche di un frutto-oligosaccaride chiamato INULINA, che è considerata un tipo di fibra prebiotica, in grado di riequilibrare la microflora batterica intestinale, favorendo in particolare la proliferazione di bifidobatteri benefici.
Le radici tostate della cicoria possono essere utilizzate per preparare una bevanda succedanea del caffè (ma senza caffeina).


Arance (Citrus aurantium) e mandarini (Citrus reticulata), sono originarie dell'Asia, ma da secoli si sono acclimatate anche nel bacino mediterraneo, dove vengono frequentemente coltivate (soprattutto nelle zone temperato-calde, come il sud dell'Italia). Le clementine sono ibridi tra l'arancio e il mandarino e vengono talvolta denominate mandaranci.
Diverse varietà di agrumi
Le arance sono frutti aciduli ma comunque molto gustosi. Sono ricchi di acidi organici ( sopratutto acido citrico e acido malico) e sono una buona fonte di vitamica C e acido folico
Questi frutti sono inoltre ricchi di potenti antiossidanti, soprattutto beta-carotene! Per quanto riguarda il mandarino o le clementine, le proprietà nutrizionali sono molto simili, sebbene il mandarino sia tra i frutti più dolci appartenenti al genere Citrus (agrumi). Contiene infatti più zuccheri semplici e meno vitamina C rispetto alle arance, ma sono comunque ottimi frutti, apprezzati spesso anche dai bambini.

Alcuni adorano consumare il succo di arance, ogni tanto può andar bene (lo adoro anche io) e può essere un modo per ingerire più vegetali nel periodo invernale. Ma fate attenzione, preferite succo di arance fatto in casa ed utilizzate 1 sola arancia altrimenti rischiate di eccedere con gli zuccheri semplici! Eventualmente potete allungare il succo con un pochino di acqua.   
Alcune delle proprietà benefiche degli agrumi si trovano nell'albedo ( la pellicina bianca), quindi cercate di consumare questi frutti anche interi. 




FONTI:

Maugini E, et al., Manuale di botanica farmaceutica, ed. PICCIN 2006
- Manuale di composizione degli alimenti INRAN






Commenti